Dal Diario di un Disperato di Friedrich Reck-Malleczewen (11 agosto 1936)

Diario.png

Annunci

Il segreto d’un successo

5257_o_k__the_kollwitz
Più sento parlare i rappresentanti (votati e votanti) del M5S e più capisco che è un mix di tutto, c’è l’ottusità di certo veganesimo sciistico, l’ignoranza casereccia della Lega d’antan, il politburismo della vecchia guardia, il cazzeggio pseudoliberista alla Forza Italia, il baciapilismo con esenzione del Pd, la disinformacija interna esterna del glorioso blocco, il pressapochismo scolastico da 6 politico, l’andirivieni radicale, un certo squadrismo te ricordi me ricordo, il superomismo uno uno, il culto del capo che adesso può pure diventare il culto della salma, il gadgetismo da serie televisiva sul presidenzialismo made in Usa (presidenzialismo made in USA che oramai subisce, a sua volta, l’influenza della visione cinematografica), un certo “in galera” del dipietrismo-legaloide segaiolo del monetume capocciocraxiano, il moralismo sornione e con sorriso e buona la prima del veltronismo, il teoretico in potenza arraffa arraffa socialista sono appena arrivato e mi dite che il buffet chiude tra 5 minuti, il ghignarigno hitleriano post trionfale “quelli che ridevano di noi mo’ non ridono più”, l’inutilità vegetativa e d’accumulo di certe forze minori tipo i repubblicani, un verdismo nuovoenergismo taoista ayurvedico rettiliano che fa un po’ vecchi Verdi e un po’ nuovi Stronzi. Capisco il successo.

Qua’ culo t’ha cacato meglio ‘e n’ato?

89205d558470afdf3f0bdd1daf2ca01b

Il teatro entra nella scuola: le indicazioni del Miur per inserire attività teatrali nella didattica

E subito senti un fruscio attorno, come tanti pipistrelli, anzi, meglio  qualcosa più sottile, tanti scarabei Stercorari, senti anche un suono tra i cespugli, le Iene, eccoli che si avvicinano al cadavere putrefatto della Scuola, ci spargono sopra la polverina per dare fresco sapore (BuonaScuola, pochi EURI a confezione) e poi iniziano a strappare il poco di carne, si azzuffano, alcuni scappano con un pezzo di tendine, altri sgranocchiano le ossa, certi hanno la faccia ficcata dritta nello stomaco e sorseggiano succhi gastrici e merda. Le senti le Associazioni? Li senti i Teatri d’accattoni? Li senti i gruppi degli incapaci, quelli che non sarebbero mai arrivati neppure a spolverare un palcoscenico, che ti presentano il loro piccolo certificato d’attore (non importa se siano totalmente privi di arte e tecnica, hanno il certificato, dato da altre scuole, putredine che genera putredine) e dicono ho il permesso di succhiare questa rotula, magari dicono Rotùla, poca dimestichezza con la lingua. Avanti, forza, tanto non c’è già più nulla di didattica, oramai è tutto regno di cantastorie, incentivi alla lettura, cagatine musicali, corsi di origami, corsi di tamburello e ceramica, forza… e poi se non ci pensa lo Stato a tagliare pezzi di carne (non viva) da una parte per sfamare questi calca assi a tradimento chi ci pensa? Non vorrete mica che questi poveretti debbano attendere che i singoli cittadini stabiliscano LORO se questi mentecatti meritano o meno un obolo o vadano piuttosto presi a calci in faccia (ovvero nel culo, c’est la même chose). Rapidi però, perché oramai si esaurisce alla svelta il fondo. Poi ci inventeremo altro per darvi sia il soldino sia la possibilità, con la faccia di merda che vi ritrovate, di dire che fate cultura e pure educazione. Mi inchino a voi perché siete la merda bella.

Flebo

 

wood-ashes-xPrima goccia

Predicare l’Eutanasia come fosse la panacea dell’universo, ma il Capo deve fare la Via Crucis mistica con tanto di corteo di pellegrini

Seconda goccia

Fuori dal Palazzo, ma dentro da tipo 60 anni

Terza goccia

Prima per la distruzione della famiglia e il contenimento della natalità (me li ricordo urlare: siamo troppi siamo troppi) poi per Uccelli venite dai quattro angoli del pianeta

Quarta goccia

Contro l’oscurantismo ma non contestare il verbo interno o Raus….

Quinta goccia

Bestemmiatori di Chiesa, penitenti gozzoviglianti, droga libera, spinella a bbbestia, ma la dirigenza con il cazzo che consuma….

Sesta goccia

Se uno tira un mattone contro la vetrata di una gioielleria e si mette a fregare gioielli se partecipo pure io, perché altrimenti si fottono tutto gli altri, cosa sono?

Settima goccia

Berlusconi grande, Berlusconi merda, Bossi grande, Bossi merda, D’Alema democratico, D’Alema merda, Papa merda, Papa buono… quando si dice “è la nostra Bandiera”si intende perché gira a seconda del vento

Ottava goccia

Cercare la qualsiasi per giustificare l’esistenza finanziaria di qualcosa che alla fine è una di quelle associazioni che campa per far campare l’associazione

Nona goccia

Trucchi sartoriariali, polverine astringenti, magicabula chitessencula

Decima goccia

Manderò una cartolina al nuovo indirizzo: terzo girone, settimo cerchio.

Dal libro VI di Michele Psello: Cronografia.

Cherub_plaque_Louvre_MRR245_n2.jpg

…. il Senato s’è imbastardito e la cittadinanza è data a chiunque lo voglia. Davvero, se ne scoprirebbero parecchi, da noi, di bifolchi ripuliti; col risultato che spesso ci facciamo comandare dai medesimi che comprammo dai barbari e le nostre più alte potestà vengono affidate non a Pericli, non a Temistocli, ma ai più ignobili Spartaci… (VI 134)

… con il Califfo d’Egitto, come per partito preso, cedeva quasi sempre in tutto o quasi, cosicché questi profittava beato della remissività dell’interlocutore e, come l’avversario fa con il pugile caduto fuori della pedana, lungi dal restituirgli colpi pari lo subissava di risposte ben più aggressive (VI 190)

Michele Psello (Costantinopoli 1018 –  Costantinopoli 1096)

Traduzione tratta dalla edizione Lorenzo Valla (tr. Silvia Ronchey)

Bandiera Teschi e Strisce

dipinto a encausto.jpg

L’Europa e gli Stati Uniti sono morti, definitivamente. Gli Stati Uniti verranno apparentemente salvati, per modo di dire, dalla loro distanza, ma in realtà sono perfino morti prima di noi, di fatto è da loro che ci è arrivato il morbo principale, sotto forma di tanti “cambiamenti di costume”, come si ama dire, in realtà si tratta della biancheria intima sporca ed infetta, buttata sui nostri paesi e da noi raccolta e indossata.

Continua a leggere