Elenchi (22-06-16)

1464726855251.jpg

Pro Loco, Pro Loci, Deus Loci, Deus Vult, Mea Culpa, Turpe est, Ovest, Pro Loci, Pro Loco, Sintetizzatori, fiabe, feste, ciarpame, accatto, accattone, Pasolini, Ragazzini, Ragazzoni, Automobili, Contadini, Tutti Buoni, distese, insenature, Senatur, Miss Qualcosa, Mi scappa, inseguimenti, imbecilli, donne barbute, donne paffute, Mode, Modà, Modì, Modò, Pomì, Pizzette Catarì, accumuli, sdoganamenti, artisti di grido, cantanti da urlo, mattoni da lancio, foto, insensibili, foto, fottere, me ne fotto, disciolti, delinquono, accattoni, papisti, pappette, feccine, miserrimi, santissimi, buffoni di corte, corto maltese, falco in arnese, balaustra illustrata, ticchettio, gocciolio, tramestio, sensazionalismo, bestemmismo, sfida a Dio, moda consunta, quadrettoni, fesserie, Tutti Buoni, giocolorie, trampolerie, Donald Trump, Brexit, Brescia, Kafka, Gotcha, Gott mit uns, Europa Unita, saldi, polli, allevamenti, passerelle, pasterelle, una mano lava l’altra, lava scende, inceneriti, pulcini, galline, gattini, foto, cazzate, foto, graffiate, foto minchiate, una padella antiaderente, uno che non sa mai niente, venghino siori e siore, Christo cammina tra i tonti, Christo cammina tra i pirla, Christo cammina tra Christo, Cristo fulmina Christo, parafulmini elettorali, sottosegretari, anabasi, ritorni, scavalcamenti, scavalcafossi, scavalcaminchie, salterelli, santerelli, poca sostanza, poca credenza, mobili svenduti, materiale già visto, vecchiume, foto, stronzate, foto, tessere, sviluppi, attendi, un treno in fronte, regionale per domani, ieri è passato, regionale per i piedi, a piote sui binari, linee parallele, turbosfere, carbonare, Roma e spaghettare, sindaci, sindachesse, sindacassi, trovassi, trovarobiere, teatro, steatro, furti con incapacità, ladri di galline

(ricomincia da capo)

Annunci

Antifonte di Ramnunte

piero08.jpg

Nell’Etica Eudemia Aristotele ricorda che Antifonte di Ramnunte, oratore ateniese e artefice, tra gli altri, della Boulé dei 400 che prese in mano le redini della politica ateniese con il colpo di Stato oligarchico del 411, appena sostenuto un discorso a sua difesa nel processo intentatogli dopo la caduta dei 400, processo conclusosi con la sua condanna a morte, rispose così all’elogio di Agatone: al saggio un solo giudizio, ma di persona competente, vale assai più di molti giudizi qualunque (1232b). Il discorso di Antifonte fu davvero eccellente, così come attesta Tucidide che ebbe forse modo di ascoltarlo di persona. Questo dovrebbe essere uno dei pochi fari a dominare il nostro cammino. I giudizi della marmaglia non valgono nulla, i pareri di un gruppo quasi informe di plebei ipnotizzati, giorno per giorno, da voci che dicono loro che potranno essere quello che vogliono, di essere tutti artisti e geni, tra poesie che fioriscono nel cuore e un canto d’amore, questa mediocre e indistinta melma di buzzurri che opinano sopra qualsiasi cosa, come fa la peggior teppa giornalistucola, non sono degni di ascolto… a parere mio neppure sono più degni di quei tentativi folli e scriteriati di soccorso e pietosa dottrina. Guardali, questi campioni dei tempi presenti, sempre di fretta per inseguire il loro nulla, a ciancicare parole altrui, frasi altrui, pensieri altrui, a propalare a colpi di “da leggere tutto” “devi vederlo” “devi sentirlo” le loro banalità quotidiane, il manualetto del cittadino comune che si illude di fare parte di cerchie ristrettissime, di conventicole neocarbonare, guardali e vedrai come procedono in gruppo, senza neppure sapere quale è la pecora a guida, avanzano per i rivoli artistici (danno nome d’arte a quello che pensano li possa far sentire intelligenti, come certi monaci che battezzavano pesce la carne di venerdì) guardali e vedrai che fanno, dicono e guardano le stesse cose, seguendo l’eco modaiolo della solita nazione lontana, seguendo musiche tribali tum tum dove di eccellente c’è l’intuizione di rifilare ad ignoranti questo borbottio semianalfabeta, guardali e, l’hai fatto già, capiterà sempre una debolezza, ascoltali consigliare la visione della banalità 7 premi, 2 oscar, una grolla, sgrollateli di dosso codesti ricercatori di banalità sommerse, due dita di sterco sopra e prendono patate per pepite. Guardali e ricorda Antifonte di Ramnunte.

Di satire e buffonerie

0e28aacbf4d5ef48788a5f5622a11da4

Premessa generale: del comico e della opinione comune

Di questi tempi noto sempre più come i comici siano diventati una sorta di punto di riferimento politico. Non parlo di Grillo. Dico proprio i comici in piena attività, si citano le loro battute quasi fossero riflessioni di peso, si ricordano pezzi di monologhi, alcuni si spingono, in effetti, a fare dei comizi e punto, ad esempio la Guzzanti Sabina, da me sempre ritenuta non proprio una grande cima comica e certo inferiore al fratello (e al padre! sic…) con questo suo trucco e parrucco, i tic esasperati e una certa innegabile fissità dello sguardo ha portato avanti una comicità impegnata (o civile, come si suol dire… e la comicità civile è davvero stridente) che è sempre più parsa una sorta di tribuna politica monocratica dove la comica, dall’alto dello schermo e del più o meno elaborato impiastricciamento del volto, spara sentenze a nome d’altri dicendo, così pare intendere, di rivelare il vero messaggio del politico di turno. Si scomoda tradizione antichissima, si scomoda Aristofane, ma lasciamo stare, il paragone ci pare pure un po’ suicida perché l’abisso artistico è patente. Rimane il fatto che in questa epoca di comici candidati e candidati comici le battute di spirito, la satira, la vignetta vengono oramai ampiamente utilizzate e citate come punto di riferimento per il giudizio politico e umano sopra i personaggi in campo. A volte si dimentica che la comicità è comunque caricatura, se critichiamo le fattezze di un volto basandoci sulla caricatura andremo poco avanti.

Continua a leggere

Bandiera Teschi e Strisce

dipinto a encausto.jpg

L’Europa e gli Stati Uniti sono morti, definitivamente. Gli Stati Uniti verranno apparentemente salvati, per modo di dire, dalla loro distanza, ma in realtà sono perfino morti prima di noi, di fatto è da loro che ci è arrivato il morbo principale, sotto forma di tanti “cambiamenti di costume”, come si ama dire, in realtà si tratta della biancheria intima sporca ed infetta, buttata sui nostri paesi e da noi raccolta e indossata.

Continua a leggere

Un giorno non sapremo neppure più dove andare a pisciare

the_minotaur-large

Come si diceva pochi giorni or sono non me ne può fregare di meno del Family Day e non me ne frega nulla del SvegliaItalia day etc… vedo tutto questo come il parto di un episodio della famiglia Bradford e dunque si morirà democristiani: morire democristiani non significa seguire una via religiosa o avere fede, ma semplicemente adattarsi secondo il momento, rendere il tutto ufficiale con un bel timbro e reclamare a destra e a manca che pure noi si deve avere questo e quel foglio da incorniciare. Intanto si ride, sopra, si ride molto, si ride sulla pelle altrui.

Continua a leggere

Schermaglie minori

the_dream-largeJean Baptiste Edouard Detaille, il sogno, 1888.

 

Siparietti, danze in parallelo, palestre addobbate con le perline, giochi di luce e democrazie dietro ad un vetro, gli eroi come allo schermo dei televisorini dispiegati si sbracciano, agitano le manine, il popolino acclama, ansiti di celebrità, libertà sopite e gingilli di stelle e strascichi. Uno diceva che il popolo è puttana e puttana lo era pure lui, magari un po’ più cara, ma il culaccio a peli e strisce lo vendeva, a volte arrivava al rango di ballerina di ultimo ordine di un café chantant decaduto: locali nati con il guizzo del marpione, con le speranze del salire di grado e lussuria, poi le fabbrichine, i giringirelli, il favore a questo e quello, la fame, gli sconquassi, fino a reclutare gli scarti degli altri mondi. Le guerre, le guerre sono il contraffaccia del bighellonare d’estate sotto i portici di Bologna, fatevene una ragione, non li volete più i portici? Non volete bighellonare? Allora cancellate le guerre. Intanto gli dei si mostrano irraggiungibili, non li puoi scalfire al naso con una capsula volante, non li raggiungi con trepiedi, tutto è perfetto, onore, gloria, ricchezza e fama, il servo del “sei mortale” si piglia un calcio nei cojoni e scivola dal carro. Non v’è rischio, non v’è ferita, tutto è perfetto e lucido come uno schermo. Il vetro ha il valore dell’inganno, è l’eterna illusione di vederci chiaro, di vedere attraverso le cose e coglierne gli aspetti celati, eppure dovremmo saperlo, a forza di purghe, involtini e robaccia andante, dovremmo saperlo che il vetro non chiarifica e non rivela, il vetro è illusione e menzogna. Siparietti, palestre, giochi di vetri ed eroi da due dimensioni, stupidi, tronfi, acclamati, un giorno smetteranno di affaticarsi per spostarsi da un continente all’altro per cenare o firmare cartaccia, si stancheranno anche di sentire con le loro orecchie il popolo belante o di dare un momento di speranza al singolo attentatore, allora amplieranno i vetri e le distanze.