RAI andata e ritorno

 

Nel 1978 i magnifici Panelli e Valori mostravano ironicamente cosa erano le televisioni private, una accozzaglia di programmini azzoppati, dove mezze svampite, amichette del padrone e finanziatore, si alternavano ad improbabili conduttrici. Il Palinsesto di queste reti locali era per forza di cose piuttosto ingenuo, telefonate del pubblico, dietologhe, l’immancabile gioco a premi di basso livello e lo spazio per i debuttanti che venivano a presentare la poesiola o la canzoncina, possibilmente con qualche lato boccaccesco.

Sarà solo una mia impressione ma adesso pare una parodia della attuale programmazione RAI. Mancano solo i tizi che si azzuffano perché all’epoca, anche sulle reti locali, non si usava.

Annunci

In una Nazione…

pellicano_di_marina.jpg

Dici Notti Bianche pensando a Dostoevskij e tutti attorno chiedono dove faranno la prossima festa, tunz tunz tunz, ballo salsa, panini e bibite ed il concerto di Frank e le Caccole Band

Passerelle passerelle… dicono sia arte, arte di fila.

Passerella.jpg

Hanno aspettato per tutta la notte

iphone6.jpg

Hanno aspettato tutta la notte… la differenza è che nel primo caso dicono loro che è arte… no, aspetta, pure nel secondo caso e sinceramente se è arte quella fesseria che deturpa il lago perché non lo dovrebbe essere un Iphone?. In fila. Arte. Sono in fila. A farsi le foto con l’Iphone che hanno comprato facendo la fila mentre fanno la fila per andare sulla passerella per farsi altre foto con l’Iphone che hanno comprato facendo la fila.

Arte di fila.

La Storia a comode rate

art_2721_1_01beraldo

Sono piuttosto stufo di tutti questi che annunciano e indicano le loro azioni come storiche, questi beccamorti che proclamano come la loro sia una rivoluzione (di che?) portata avanti contro (chi?). Dire che una cosa è “un evento storico” è spesso una pura illusione, per essere storico un evento dovrebbe essere valutato a distanza, gli eventi storici programmatici sono più delle porcherie pubblicitarie, non mi stupisco dunque che si sia oramai nell’era del “corro a comprare in edicola il mio pezzo di evento storico”, sia il numero speciale di qualche rivista falcidiata dai Jihadisti, un discorso banale di un eresiarca, un banalissimo giubileo (flop), il libro postumo* dello scrittore sommerso dai marosi, anzi dal #marOSO, o l’ennesima elezione dell’ennesimo nuovo elemento scelto accuratamente tra la vecchia guardia…

*detto tra di noi, il libro mostra contenuti da far cadere le braccia e spiega una delle ragioni dell’odio verso internet mostrato dall’autore: in banalità sulla rete si viene sorpassati e vinti, non c’è bustina che tenga, senza contare lo sforzo sulla carta stampata tra i vari Buongiorno al Cazzo di Gramellini o Amaco Mio del Serra…

Ricascare dai Monti

Aggiornamento Bis

Monti il Modesto
Ieri mi è capitata una cosa singolare.
Ero in un ospedale milanese con mia mamma ed a un certo punto è arrivato il prof. Mario Monti con sua moglie. La signora Monti si doveva sottoporre alla stesso intervento per il quale era in attesa anche mia mamma. La cosa inaspettata è che il Professore è arrivato senza scorta, ha fatto la coda come chiunque e la moglie ha aspettato il suo turno come chiunque. È rimasto seduto sulle scale in attesa per tutto il tempo, poco prima c’era anche la moglie, nessun salottino privato o quant’altro. Ha parlato con chiunque gli chiedesse qualcosa senza nessun problema ed ha lavorato tutto il tempo. Vorrei dedicare tutto ciò a quei beceri che ci rappresentano che in continuazione sfruttano la loro posizione per avere un proprio tornaconto sempre e comunque. Il senso di tutto è che quando si è grandi lo si è senza bisogno di doverlo palesare ed ostentare !

 

(commento alla immagine dell’autore della foto pubblicata su Facebook come riportata sopra alcuni quotidiani di oggi)

 

 

Monti seduto per ore sulle scale, il popolo si commuove da sotto i ponti… al di là della battuta, siamo piccioni, piccioncini da lardellare, siamo tortorelle da picchiettare con il pucipucipuci sul cranietto ronde, almeno niente più lamentele e grida, dolori e sofferenze, se questi inchiappuntano ad ogni istante, se mandano il cane da guardia dai piani alti, se  fanno levare la merda dalle punte delle loro scarpe a suon di baci… lodateli, appoggiateli, dateglieli, loro saranno generosi, aperti, modesti, graziosi, disponibili e ridanciani. Per parte mia penso solo che Renzi vacilli davvero, che si avvicini il cambio del guidatore del calesse e Mr. Europa pensi sia di nuovo il suo turno… eppure non è così lontana l’epoca Istituto Luce del Loden del Monti e gli episodietti di spese al mercato della Sciura Monti… non vi ricordate, ah la memoria…

Aggiornamento: seconda inchappuntata

Boldrini a Lesbo indossa salvagente “per salvare l’Europa” (Ansa)

Aggiornamento Bis

Imbarazzante articolo di “lecchinaggio”di Severgnini sul Corriere.