In queste mattine

vermeer-copertina-1200x600

In queste mattine strane

d’attese e di baci

mischiate al senso di resa

per il tempo e le frane

in queste mattine di carezze,

sussurri e passeggiate,

che scacciano le amarezze

e le rendono passate,

resta intatto il piccolo fiore

semplice ed eterno

resta intatto il rapido bagliore

antico e moderno:

mi piaci

Annunci

Il poeta (da “Canti di Nella”)

Il poeta è un disgraziato

che non sa far l’anacoreta

e deve cantare a perdifiato

canti che non lo fan profeta

 

Abbondano le sue tasche di suono,

verso e parola che si confondono

e di questi frustuli può farti dono

perché a te e non a lui rispondono

 

Tu al massimo puoi fingere in viso

di avere gradito l’offerta,

ma attenzione, sa riconoscere il sorriso

No, tu non sei quella

marc_riboud_-yougoslavie_0.jpg

(Ph: Marc Riboud)

———————————–

No, tu non sei quella

me l’ha detto una sirena

notturna in riva al mare,

me l’ha detto la tua mano

taciturna coperta d’arena

No, tu non sei quella

che cospargerà di sale

i miei passi

sul terreno d’una stella,

ammassi

di costellazioni svanite

come cumuli di vite

sono alle nostre spalle,

comete infinite d’azioni,

scie gialle di parole

No, tu non sei quella

che spingerà la mia nave

verso il sole

perché si incenerisca

l’isola che nel mio occhio

galleggia

Non sentire

1 u5_VPj2QVpG4_JU1zoiNNw

(R. Topor)

Non sentire
incivile se è finzione
penoso se è realtà
non sentire quelle parole
che risuonano perché non dette
non sentire quegli sguardi
che volteggiano perché ricordati
osserva il tuo silenzio
delimitane i confini
vedrai che sono d’altro corpo, d’altra voce,
vedrai che sono d’altra mano, d’altro respiro
allora sentirai
oppure sarà finzione