Zingari in Regione

maroni
un pericoloso rumeno
Mentre la lega passa al comodo tema del presepe per lasciare da parte il più spinoso tema della difesa personale il suo governatore lombardo (Bobo Maroni) ha fatto passare una norma che prevede l’obbligo di farmaci generici per patologie gravi se vuoi l’esenzione, altrimenti devi tirare fuori i soldoni e vai di farmaco non generico…
Annunci

Di lutti e di lotte, l’anima si invola e pochi lo notano. Il recente furto a Castelvecchio.

Garda-tosi

Certi volti recano il marchio dell’anima, non ne posso dubitare, e molti altri mostrano quello che resta dei corpi senza l’anima, così non mi sorprendo nel udire gli sciocchi e tardivi tentativi fatti dal signor Tosi di giustificare il disastro con quella sua faccia che farebbe la fortuna di Viareggio. Il signor Tosi, come indicato dal più che ottimo Montanari, ha gettato soldi e soldi per quelle puttanate che fanno tanta cultura (leggesi: cose terra terra che fanno sentire tutti un poco artisti) e ha messo i suoi personali tasselli al mosaico della Verona Parco Giochi per turismo di massa dismessa. Nel frattempo, attorno al carrozzone addobbato, un degrado annusabile appena scesi dal treno. Il degrado vero è però quello mostrato l’altra sera dall’impensabile colpo dei soliti ignoti. 17 opere, tra queste capolavori irripetibili come la Madonna della Quaglia o il San Gerolamo del Bellini Jacopo e, pur non capolavoro, uno dei dipinti simbolo del repertorio veronese: il bambino del Caroto. Chi saprà mai se il Caroto, cesellando le illustrazioni per l’opera del Saraina, fermatosi un secondo a riflettere sulla caducità delle grandezze antiche, avrà immaginato che sarebbero giunti tempi tanto barbari e barbarici da rendere i suoi lavori dei pacchettini da trasportare, in massa (pur tra grandi), sopra il furgoncino d’una guardia giurata. Certo il bambinello, trovandosi compresso tra Jacopo, Antonio ed il Robusti avrà strabuzzato gli occhi e, indicando lo scarabocchio, avrà domandato quale onore lo poneva “tra cotanto senno”. Stranito poi dallo sballottio del mezzo si sarà rifugiato presso Andrea (pur incerto) ed il saggio e perfettissimo gli avrà contato di quando levarono parte della sua Pala, sempre da Verona, nel 1973, confortandolo con un “torneremo”, ma torneranno? Questo spero.

Madonna_of_the_Quail

Oggi alla notizia ho vestito nell’animo il lutto, profondo, forte, egoistico (e dunque sincero) lutto. Al lutto è seguita la furia ed il fastidio. I nostri polticanti e imbratta giornali hanno taciuto. Le principali agenzie hanno iniziato a sentire profumo di sangue solo alla comparsa delle stime (15 milioni… 15 milioni?? Solo il Pisanello, supponendo di partecipare a questo sciocco gioco, valeva almeno 100 volte) e allora, sempre relegando la notizia tra un tour di Jovanotti ed il pancione di qualche scosciata*, hanno dato qualche notiziola, miseramente confondendo le immagini dei dipinti trafugati con altri dipinti di altri musei (a quanto pare sono totalmente analfabeti). Ed in questo naufragio generale, davanti alla estrema e fatale riprova di quanto sia falso  il mantra annuale sul “nostro petrolio artistico” si involano le opere, per dove? per cosa? Il signor Tosi, dopo avere scoperto come rompere qualche noce di cocco con le pietre risparmiando infine il prognatismo della sua capoccia, ha detto che un perfido e coltissimo collezionista, la Spectre del collezionismo mondiale, ha certo tramato nell’ombra. Ora, solo un ignorante può credere che vi sia stata una accuratissima e raffinata selezione, quando invece è evidente che sono stati portati via i pezzi da 90 della collezione, più qualche secondario. Vendibili? No. Allora speriamo nel riscatto e non nell’altra possibilità, evocata da Sgarbi, perché non vorremmo mai assistere alle decapitazioni dei dipinti.

Nel frattempo il mondo, tanto solerte alle facili lagnanze e alle bandiere esposte, tanto triste e lacrimoso, con una mano grattando la schiena dei grufolanti terroristi (e finanziandoli) e con l’altra reggendo il fazzoletto inumidito prima in qualche bicchiere, tace. Il popolo della rete, i pesci insomma, i totani, i boccaloni, non gridano, non manifestano, neppure si accorgono che il 19 sono forse morti davvero dei cittadini di grande importanza, irripetibili, da piangere per tutti, da rimpiangere sinceramente perché sì, in cuor loro, dovrebbero sentirli parenti di carne e sangue. Si preferisce il lutto degli ignoti, fingere il rammarico, ma sotto sotto temere solamente di dovere rimandare la vacanza, di fare code in stazione… e poi vuoi mettere il gusto di riciclare tutte le foto che ci siamo fatti davanti alla Torre Eiffel, noi cittadini del mondo, mentre a Castelvecchio chi cazzo ci andava? Ci si potevano fare le foto (senza flash), potevi perfino farti un autoscatto con alle spalle una Sacra Famiglia un po’ distratta, ma è meglio piangere gente che non avresti mai conosciuto, in locali dove magari andrai a fare due autoscatti per far vedere che ci sei stato. Il petrolio dell’Italia, trafugato a barili e barili, e quando non è trafugato è spesso conciato come è conciato, anche grazie a energumeni che, eletti dalla massa bifolca e sozza (il non avere alternative non giustifica, essere idioti e vantarsene giustifica invece i ceppi), spendono i fondi per tutte le cazzate possibili, culturali perché fatte con le terga, ma dimenticano di dare un servizio di sicurezza serio ad uno dei principali Musei della città. Neppure mi sento di giustificare la direttrice in scadenza, futura direttrice della Accademia a Venezia (aiuto), perché non ho letto in questi anni di sue proteste vivissime per lo stato di non sicurezza del Museo, né ho letto di suoi ultimatum mettendo sul tavolo il suo posto; la direttrice è meno colpevole certo, ma ugualmente fiancheggiatrice di questo mondo senza memoria, questa classe dirigente di amministratori solerti come un Eichmann, di sorveglianti perspicaci come un Beria… sacchi di patate, ortaggi, caramelle, hanno rubato pacchetti di sigarette e preservativi, hanno rubato chincaglieria, robe vecchie in cornici tarlate, si figuri, poca roba, è bastato un furgoncino da guardia giurata per fottersi secoli.

Il mondo prosegue, la gente se ne strafrega, non vi è notorietà e festa in questo lutto (l’altro è stato il festival del lutto, la Santa Muerte di doni, magliette e fiori) e se qualcuno si chiede che ne sarà della Verona e della Italia senza le sue opere e dunque la sua anima, beh sappia che quasi nessuno si accorgerà di avere perso l’anima perché è bella che venduta da anni e anni ed il coltivarsi è come uno schiaffo in faccia alla idiozia dei più e dunque qualcosa di detestabile, brutto, osceno e inaccettabile, l’apprendere ed il faticare, il faticare anche del bello, è ostile al corpo del mondo, dove si cerca il “darsi un’aria” tra gente che ama “darsi un’aria” e tra tutti questi palloni gonfiati quello che conta è il complimentarsi a vicenda del nulla, l’invidiarsi lo squallido ed il copiarsi il mediocre, una sfida al ribasso che si ravviva ogni giorno. Avanti, allora, verso l’ennesimo baratro.

PS: proponiamo lo squartamento in piena Arena per i responsabili.

* Senza tralasciare le riflessioni fondamentali sopra pubblicità antigay, club da strafighe/fighi, stronzate banalissime dette da un tizio vestito di bianco e la tanta solidale inutile ripetitiva ignorante banale schizofrenica canzoncina di accoglienza, apertura, porte spalancate, culi desiderosi, bocche infracicate con l’eco, adeguato (europa unita!), dei fessi galli e di quel mediocre scribacchino di Houellebecq che pizzica Hollande ma salva chi gli compra i libri.

AGGIORNAMENTO

Dichiarazione geniale del Sig. Tosi

Verona Flavio Tosi, che poi, anticipando possibili polemiche sulla sicurezza, ha aggiunto: «le norme che vengono applicate e i parametri di sicurezza non rendono impossibili i furti, li fanno anche al Louvre».