Questa mente

Questa mente così strana e ondivaga

Non trova mai ristoro se non in te

Che sei la fonte dove l’anima nottivaga

Si disseta.. e altro da dire non c’è 

Annunci

Questa sera

cab2r.jpg

 

Questa sera è la tristezza

che si alza nel cielo

come un fumo grigio

un incendio da poco sopito

quel fumo che si disperde

senza che si possa fermare

quel fumo che sfugge

ad ogni mano, allo sguardo,

eppure

perfino la tristezza

è dolce, è vivibile

perché tu sei con me

e quel dolore sottile

delle palpebre strette

inutili ad arginare

non è così dolore,

non è così eterno.

 

 

Or come ora

sudek

Josef Sudek

 

 

 

Or come ora tu sei

tutta in me

e io tutto in te

ed ogni cosa è posta

dove doveva essere

la gioia è chiara, esposta

all’invidia degli dei

ma noi siamo più forti

più stabili d’ogni cosa

e non abbiamo paura,

mano nella mano,

intrecciati gambi di rosa

affrontiamo la fortuna.

Ti vedo anche nella notte più oscura

polish.jpg

Zbigniew Andrzej Dłubak

Ti vedo anche nella notte più oscura

quando fuori si placa ogni rumore

e tu appari alle mie labbra ch’arsura

squassa di te, di sete del tuo amore

 

Quel tuo volto perfetto al giaciglio

accanto mi appare, lieve e preciso

ed è subito nel mio cuore scompiglio

sul mio labbro scivola quel sorriso

 

E le mie braccia prima inanimate

volteggiano verso te, donna mia,

sentendosi abbracciando abbracciate

 

Del mondo fuori sia quel che sia

interrogarci sarebbe esercizio strano

noi siamo di noi due soli in balia

Tu sei una rosa grande

Rose-and-Driftwood-1617x1260.jpg

(dal web)

 

Tu sei una rosa grande

immensa

una rosa che è cesto di rose

preziosa

come il dolce vento al mattino.

Dalla tua pelle si sprigiona

un nettare divino

che riaccende l’animo

e cura ogni tristezza

Tu sei una rosa grande

infinita

una rosa che è nuvola di rose

vita

ridoni con il più piccolo sguardo

e le carezze delle tue dita

sono i petali più leggeri e soavi

che possano discendere

dal cielo.

Accogli tra le mani

bressons.jpg

Henri Cartier-Bresson, 1971.

 

Accogli tra le mani il mio volto

vicino al tuo, viso a viso,

labbra a labbra per un unico sorriso

mani e mani strette, intrecciate,

il tuo corpo contro il mio

perché ti dia tutto me stesso

come tutta te stessa vogl’io,

ti voglio, ti amo, ti desidero

ma è ben più che un amplesso

di carni e sensi

è l’unione totale, perfetta

cuore a cuore

viso a viso,

l’unione inscindibile d’amore

sigillata da un sorriso.